(...) l' arte è il regno in cui i mondi si fondono.
Come l’inconscio, è il territorio in cui ogni immagine è vera se è vero il suo contrario.
Perciò (Alberto) ha dovuto imparare a trattenersi, a intervenire sulla materia in modo meno rigido e invasivo, lasciando che, nell’imperfezione, essa potesse rivelargli il suo segreto.

Andrea Guastella - Underwater

E’ questa l’«agorà» di Alberto Criscione, una piazza antica in cui ci si ritrova con uno sguardo intriso di stupore, alla ricerca di sé. Ci si ritrova «persone», che vuol dire «maschere», perché la persona era quella maschera di terracotta, con gli occhi e la bocca spalancati, che «l’attore»metteva sul volto per amplificare la voce, per farla, appunto, per-sonare, risuonare attraverso la cavità della maschera.

Daniela Thomas - Parole di Terra Cotta: Agorà

Il protagonista di Goodbye Glory Dreams diventa così un uomo moderno che s’appresta a combattere contro le avversità di ogni giorno. Si tratta dell’eroe di oggi che non abbandona la sua patria per lasciarla sola e cercare fortuna in altri lidi ma combatte per esse anche se sa che il suo peso sarà l’equivalente d’una piuma messa a bilancia con un’incudine di piombo.

Gianmarco Nicoletti - Goodbye Glory Dreams

Il lavoro compositivo di Alberto Criscione è frutto di un lento processo elaborativo che, da un impulso istintivo che immediatamente prende forma in bozzetti e schizzi, diventa poi una forma scultorea in cui emergono i dettagli che caratterizzano l’opera, creando quel legame con il fruitore.
Dio e mito sono nei dettagli.

Michelangelo Pavia - MYTH RELOADED

Artista italiano, nato a Ragusa (1981), con un’esperienza nel campo dell’arte che ha già raggiunto i venti anni, Alberto Criscione ha coltivato fin da bambino una predilezione per le arti visive. Il suo percorso formativo è iniziato con il padre, Giuseppe, da cui ha appreso i rudimenti della scultura, ed è proseguito nei suoi viaggi in giro per l’Italia e in Danimarca, apprendendo tecniche innovative nel campo della ceramica sperimentale: grès, raku, porcellana, ingobbi.. Il suo peregrinare ha trovato pace a Palermo, città che ha dato vita a nuove contaminazioni artistiche, prima con Angela Di Blasi, con cui ha collaborato nella creazione di e poi con il maestro Salvatore Rizzuti, da cui ha assorbito le tecniche di scultura del legno e di lavorazione della resina. Negli ultimi cinque anni ha affinato il suo linguaggio personale, creando un segno distintivo unico e riconoscibile.

La sua ricerca gira intorno all’essere umano, attingendo alle immagini dell’era arcaica e dell’epoca classica, trasformandole e caricandole di un umorismo noir, ma anche di un bisogno di trascendenza. Il suo stile può apparire dissacratore verso il mito, ma ciò che tenta di demolire è il consolidamento delle convinzioni dell’uomo contemporaneo per creare nuove visioni, nuove domande, un nuovo territorio del Sacro.

Facebook  Twitter  Google+

Esposizioni personali

• 2018 – Myth Reloaded neu [nòi] spazio al lavoro, via Alloro, 64 Palermo – in occasione di TЯACK – Sentiero d’arte in cui hanno esposto  Karen Knorr | Migrations – curata da Niccolò Fano église, via dei Credenzieri –
Iolanda Carollo & Riccardo Scibetta | Êdicola – Spazio Edicola, vicolo del Caccamo all’Alloro 10 –
Riccardo Scibetta | Testimonial MYOP – vicolo del Caccamo all’Alloro 12

• 2018 Underwater  lo spazio arte della Libreria del Mare, via Cala, 50 Palermo

•2018 ArteMed, Fiera del Mediterraneo, Palermo

• 2015 KŌmŌδία, villa Naselli-Agliata, Palermo in occasione delle Vie dei Tesori

• 2015 Agorà  neu [nòi] spazio al lavoro, via Alloro, 64 Palermo

Esposizioni Collettive

• 2018 Vergogna Ritrovata  Palazzo delle Aquile, piazza Pretoria, Palermo – con Momò Calascibetta, Angela Di Blasi, Antonio La Colla, Salvo Rivolo, Graziano Cecchini.

• 2018 Kalòs, la Sicilia dell Arte Contemporanea – Chiesa San Pietro, Marsala (opera selezionata: il Filo di Arianna)

• 2017 U’ Marimotu Costantini Art Gallery, via Crema, 8 Milano – con Roberto Rinnella, Simone Stuto e Luigi Citarrella

• 2016  U’ Marimotu Galleria XXS aperto al contemporaneo, via XX settembre, 32 Palermo – con Roberto Rinnella, Simone Stuto e Luigi Citarrella

• 2015 Incontemporanea presso le Expofficine e Dock 7

Altre Esperienze

•2018 Achille e Nigra – Residenza d’artista presso il MABOS, Museo d’Arte nel Bosco della Sila

• 2015 Rito della Luce – Motta d’Affermo (ME)

 

Collezioni Aperte al Pubblico

La via delle Personæ – Parco Archeologico di Solunto, Santa Flavia (PA)

Madonna Salus Populi Romani – Chiesa S.Antonio Abate, Giarratana (RG)

• Via Crucis – Chiesa Madonna delle Lacrime, Vittoria (RG)

• Via Crucis/Via Lucis – Chiesa San Domenico Savio, Vittoria (RG)

Statua di Giovanni Boccaccio – Casa Museo G.Boccaccio, Certaldo Alto (FI)

• Il Pitocco, il Nobile e il Mercante – San Giorgio Palace Hotel, Ragusa Ibla

• Un Caravaggio negli Iblei – San Giorgio Palace Hotel, Ragusa Ibla

Presepe Monumentale – Chiesa del SS. Trovato, Ragusa Ibla

 

• Collezioni private in Italia, Francia, Germania, USA, Australia, Giappone

Tutto questo ti sembra interessante? Allora non esitare! Contattami!! Vai