Presentato il primo degli “eroi sensibili” al FACE festival

By 22 luglio 2019Art, Arte, Dicono di me, Press

(foto Marco Costantino)

Reggio Calabria, 18/28 luglio.

Il FACE festival di Reggio Calabria colpisce ancora. In un luogo surreale: un ex fortino Umbertino con vista sullo stretto di Messina, è in corso la nona edizione di uno dei festival più coinvolgenti del Sud Italia, mostre d’arte, musica ed ecosostenibilità.

Espongono:

SHENDRA STUCKI • GRAZIANO PANFILI • ALBERTO CRISCIONE • DARIO AGRIMI •
ANGELO GALLO • MARCO STEFANELLI • MASSIMO SIRELLI • COLLETTIVO DAMP • FIORMARIO CILVINI • IGOR BOROZAN •
MARIA CHIARA CALVANI • BLINK CIRCUS • LARISSA MOLLACE • ANGELA PELLICANÒ •  KALURA • CERESOLI/COSCO • FINDME • GIORGIA BOMBINO • DAVIDE SCIALÒ • VICTORIA CUJACARU • FILIPPO MALICE • FRANCESCO SCIALÒ • MAURO LARUFFA • MICHELE GIANGRANDE • KIWI SOCIETÀ COOPERATIVA • PENTEDATTILO FILM FESTIVAL FESTIVAL • MITI CONTEMPORANEI

In questa occasione, è stato presentato il primo degli “Eroi Sensibili” ideati e ralizzati da Alberto Criscione (scultura) ed Angelo Gallo (ologramma), intitolato Pandor*:

Pandor* è lo specchio capovolto del mito di Pandora, colei che aprì il vaso donatole da Zeus, contenente tutti i mali del mondo.

Nella versione contemporanea, il soggetto tiene tra le mani una gabbia con dentro tutto ciò che ritiene più importante per la sua stessa vita: ciò che non riesce a lasciare andare, ciò di cui crede di avere bisogno. Pandor* ha realizzato che la bellezza è effimera e quindi la vuole proteggere, trattenere ad ogni costo. Egli è irremovibile, ben saldato sul suo piedistallo fatto di convinzioni. Pandor* è un guerriero androgino, rappresenta l’umanità intera, che non sa separarsi dalla corporalità, che non sa cedere all’oblio, che crede nella stabilità e nella permanenza.
Il suo corpo è ricoperto di ferite e segni visibili della strenua lotta che tenta di condurre. Le cuciture sul suo corpo ne sono un emblema inequivocabile.

Eppure il suo corpo d’argilla lo tradisce. La fragilità della sua condizione è evidente, ma lui non cede, nonostante tutto.

 

Commenti

Leave a Reply